●↑

Metodologia OKR: guida introduttiva, semplice e completa

Indice dei Contenuti

CONDIVIDI
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Cosa sono gli OKR?

Gli OKR, o Obiettivi e Risultati Chiave, sono un potente schema di definizione degli obiettivi che aiuta le organizzazioni ad allineare i loro sforzi e a monitorare i progressi verso il raggiungimento di obiettivi misurabili. Questa metodologia è stata introdotta da Andy Grove presso Intel e da allora è stata adottata da aziende come Google, Amazon e LinkedIn, come spiegato in questo articolo di Forbes.

La struttura degli OKR

Gli OKR sono costituiti da due componenti: Obiettivi e Risultati chiave.

Obiettivi

Gli obiettivi sono traguardi qualitativi e ambiziosi che un’organizzazione o un team si prefigge di raggiungere in un arco di tempo specifico, in genere un trimestre o un anno. Devono essere stimolanti, impegnativi e orientati all’azione.

Risultati principali

I risultati chiave sono le metriche quantitative e misurabili che indicano i progressi verso l’obiettivo. Devono essere specifici, limitati nel tempo e realizzabili, ma sufficientemente stimolanti da mettere alla prova le capacità del team.

I vantaggi della Metodologia OKR

L’implementazione degli OKR può portare numerosi vantaggi alle organizzazioni, tra cui:

  1. Allineamento: Gli OKR assicurano che tutti i membri dell’organizzazione lavorino per gli stessi obiettivi, favorendo la collaborazione e la concentrazione.
  2. Trasparenza: Rendendo gli OKR visibili a tutti i dipendenti, le organizzazioni promuovono la trasparenza e la responsabilità.
  3. Progressi misurabili: I Risultati Chiave forniscono un modo chiaro per tracciare i progressi e misurare il successo, consentendo di prendere decisioni basate sui dati.
  4. Definizione di obiettivi ambiziosi: Gli OKR incoraggiano le organizzazioni a fissare obiettivi ambiziosi e ambiziosi che le spingono a raggiungere risultati migliori.
  5. Agilità: La cadenza regolare dei cicli di OKR (tipicamente trimestrali) permette alle organizzazioni di adattarsi e di cambiare in base alle necessità, promuovendo l’agilità e la reattività.

Come scrivere OKR efficaci

Scrivere OKR efficaci è fondamentale per il successo della metodologia. Ecco alcune buone pratiche:

  1. Inizia con l’obiettivo: Inizia a definire un obiettivo qualitativo e ambizioso prima di passare ai risultati chiave.
  2. Rendi gli obiettivi stimolanti: Gli obiettivi devono essere motivanti e stimolanti, in modo da spingere il team a raggiungere risultati superiori a quelli che pensava fossero possibili.
  3. Segui il principio SMART per i risultati chiave: I risultati chiave devono essere specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e vincolati nel tempo.
  4. Limita il numero di risultati chiave: Punta a 3-5 risultati chiave per obiettivo per mantenere la concentrazione e la chiarezza.
  5. Coinvolgi il team: Incoraggia la collaborazione e l’adesione coinvolgendo i membri del team nel processo di definizione degli OKR.
  6. Allinea gli OKR tra i vari livelli: Assicurati che gli OKR individuali, di squadra e organizzativi siano allineati e si supportino a vicenda.

Esempi di OKR

Per capire meglio la struttura e l’applicazione degli OKR, vediamo alcuni esempi:

Esempio di OKR di marketing

Obiettivo: Aumentare la consapevolezza del marchio e l’acquisizione dei clienti.

Risultati chiave:

  • Ottenere un aumento del 25% del traffico del sito web dalla ricerca organica.
  • Generare 1.000 nuovi contatti qualificati attraverso campagne di content marketing.
  • Aumentare il seguito sui social media del 20% su tutte le piattaforme.

Esempio di OKR per lo sviluppo del prodotto

Obiettivo: Fornire un’esperienza di app mobile di prim’ordine.

Risultati chiave:

  • Raggiungi una valutazione di 4,5+ su App Store e Google Play Store.
  • Riduzione del tempo di caricamento dell’app del 30% rispetto alla versione precedente.
  • Aumentare gli utenti attivi mensili di 50.000 unità.

OKR vs. KPI: Qual è la differenza?

Sebbene gli OKR e gli indicatori di prestazione chiave (KPI) siano entrambi utilizzati per misurare i progressi e le prestazioni, hanno scopi diversi:

  • Gli OKR sono un framework di riferimento che definisce obiettivi ambiziosi e traccia i progressi attraverso risultati chiave misurabili.
  • I KPI sono metriche specifiche utilizzate per monitorare e valutare le prestazioni di un processo, di un progetto o di un’organizzazione nel tempo.

I KPI possono essere utilizzati come Risultati Chiave negli OKR, ma non sono intercambiabili. Gli OKR forniscono un approccio strutturato alla definizione e al raggiungimento degli obiettivi, mentre i KPI sono strumenti per il monitoraggio e la valutazione delle prestazioni.

Domande frequenti

1. I KPI possono sostituire gli OKR o viceversa?

No, i KPI e gli OKR hanno scopi diversi e non possono sostituirsi l’uno all’altro. I KPI sono metriche utilizzate per misurare le prestazioni, mentre gli OKR sono una metodologia di definizione degli obiettivi strategici che incorpora risultati chiave misurabili (che possono includere i KPI).

2. Con quale frequenza vanno aggiornati gli OKR?

Gli OKR sono in genere fissati su base trimestrale o annuale, con check-in regolari (settimanali o bisettimanali) per monitorare i progressi e apportare le modifiche necessarie.

3. Quanti obiettivi e risultati chiave deve avere un OKR?

Anche se non esiste una regola precisa, in genere si consiglia di avere 3-5 Obiettivi per organizzazione o team, con 3-5 Risultati Chiave per Obiettivo. Questo aiuta a mantenere la concentrazione e la chiarezza, assicurando che gli obiettivi siano ambiziosi e stimolanti.

Conclusione

Gli OKR sono uno strumento potente per fissare obiettivi ambiziosi, allineare gli sforzi e monitorare i progressi all’interno delle organizzazioni. Seguendo le migliori pratiche e coinvolgendo i team nel processo, le aziende possono sfruttare gli OKR per migliorare le prestazioni, promuovere la trasparenza e ottenere risultati notevoli. Gli OKR per le startup, le piccole e medie imprese e le aziende possono essere uno strumento potente per fissare obiettivi ambiziosi, collaborativi e con scadenze precise, come evidenziato da Quantive. Adotta la metodologia OKR e guida la tua organizzazione verso nuovi livelli di performance.

Riferimenti:

Workhuman. (n.d.). Significato di OKR: Definizione, esempi e modelli. Recuperato da https://www.workhuman.com/blog/okr-meaning-definition-examples/

Forbes. (n.d.). Cosa sono gli OKR? Definizione ed esempi. Recuperato da https://www.forbes.com/advisor/business/what-is-an-okr-definition-examples/

Mappa dell’azienda. (n.d.). Risorse OKR. Recuperato da https://businessmap.io/okr-resources/okr

Cosa importa. (n.d.). Che cos’è un OKR? Definizione, guida e FAQ. Recuperato da https://www.whatmatters.com/faqs/okr-meaning-definition-example

Quantive. (n.d.). Gli OKR nelle aziende: Come implementarli e utilizzarli. Recuperato da https://quantive.com/resources/articles/okrs-in-business

Asana. (n.d.). Significato degli OKR: Cosa sono gli OKR e come funzionano? Recuperato da https://asana.com/resources/okr-meaning

Ricevi casi di studio come questi via email

MANUALE OPERATIVO

Il libro più pragmatico mai scritto in Italia sugli OKR

Un testo che ti permetterà di scendere in profondità sull’argomento fornendoti la guida pratica all’implementazione di un vero e proprio sistema di gestione della crescita basato su uno degli strumenti più efficaci oggi a disposizione dei leader: gli OKR.

CONSULENZA OKR

Accelera la tua strategia in 12 settimane

Non c’è tempo per riunioni senza fine e paroloni vuoti. Con STRTGY, ottieni un approccio diretto, focalizzato sul fare. Ti offriamo un’esperienza lontana dai cliché della consulenza tradizionale. 

Ricevi strumenti, insight e inviti esclusivi

Unisciti a 5.000+ CEO, Dirigenti, Manager e Imprenditori che stanno cambiando radicalmente il proprio approccio alla strategia e alla crescita.