No. 9

L’arrivo del meteorite

5:53 di lettura — L'impatto sulle Persone, un nuovo modello di business per sopravvivere, smart working e le fasi del movimento.
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Hey, buon lunedì,

Venerdì un caro amico, al telefono, è riuscito a descrivere, meglio di chiunque altro, l’atmosfera che si respira in questi giorni.

Mi ha detto “qui c’è un clima come se tutti stessero attendendo l’arrivo del meteorite”.

Non avrei saputo descriverlo meglio.

I primi danni

Il meteorite non è ancora arrivato eppure i primi frammenti stanno colpendo la base. E alla base ci sono le Persone.

Di questi tre blocchi fondamentali per qualsiasi tipo di attività ne ho parlato nel primo STRTGY Meeting. Trovi le slide e il questionario di self assessment entrando nella STRTGY Community su Facebook, sezione file. Ecco link diretto ↗.

Il succo è questo:

Persone che lavorano in maniera coesa e cooperativa si dotano di Processi più efficienti per fare meglio, più velocemente e riducendo i rischi abilitando così la creazione di Prodotti che hanno maggiori chance di competere nel mercato.
— STRTGY Maturity Index

Il virus sta disgregando questa coesione tra le persone. Da una settimana infatti non ci diamo più la mano, ci sediamo a 2mt di distanza, dubitiamo dell’allergia del collega e della sua capacità di concentrazione che mina gli obiettivi di budget sapendo che probabilmente i figli non andranno a scuola fino a Pasqua.

Le fasi dello smart working

Stiamo vivendo in queste ore il più grande esperimento al mondo sul futuro del lavoro.

Catalizzato da questa situazione, lo smart working, per la maggior parte delle PMI, sta attraversando a tutto gas le tre fasi dei grandi movimenti, nel preciso ordine di John Stuart Mill.

Ogni grande movimento conosce tre fasi: prima viene ridicolizzato, poi discusso ed infine adottato.
— John Stuart Mill

Fase 1. Ridicolizzazione.

Lo smart working è roba da startuppari. Come fai a essere produttivo se sei a casa?

Chi non se l’è sentito dire almeno una volta?

Fase 2. Discussione.

“Nel nostro settore non è possibile.” ci hanno. Eppure arriviamo in ufficio, ci mettiamo le cuffie e ci mandiamo email tutto il giorno per pararci il culo. Nella precedente newsletter ti ho linkato un survey che mette nero su bianco che al massimo sei concentrato per 2 ore al giorno (accedi all’archivio).

Organizzazioni che sono in questa fase, inseriscono la parola “smart working” solo nelle job description oppure lo usano come premio mascherando opportunità di cost reduction o di social responsibility.

Fase 3. Adozione.

Mentre scrivo lo smart working non è soltanto una cosa ovvia, è l’unica strada possibile.

Lavorare da casa non diventa fondamentale solo per te, ore lo è anche per gli stakeholder. Per non interrompere il servizio. Per ammortizzare i costi fissi. Per preparare il dopo.

E gente come noi, che ama il proprio lavoro perché progetta il futuro, lo fa con passione. Sgombrato il tavolo dalla colazione siamo in ufficio in 15 secondi netti, risparmiando C02 emessa e respirata, con la concentrazione che non avevamo da anni.

Fin qui tutto bene, questo è solo positivo.

Però, appena avrai aperto il tuo portatile, fatti questa domanda. Quanti business hanno processi pronti per potere essere eseguiti da remoto?

Mi riferisco a tutte le persone che non hanno il portatile aziendale. Che non sanno come fare o non hanno la possibilità di accedere ai dati che servono perché il progetto “del Cloud” non è ancora concluso. Alla rubrica che è ancora di carta per via delle licenze del CRM troppo costose per tutti i dipendenti. Ai docenti che usano il loro account skype personale per fare lezione e il proprio Google Drive per condividere le slide.

E guardiamo al mattoncino più alto, quello dei Prodotti. Quanti business hanno prodotti o servizi che possono continuare a generare fatturato in queste nuove condizioni di distribuzione?

The “bring-at-home” wave

Prendi per esempio l’Esselunga che si è mobilitata subito. Ha restituito alla comunità 2,5M di euro per gli Ospedali e gli Istituti impegnati in prima linea, oltre alla spesa consegnata gratis per over 65.

Esselunga ha potuto farlo perché il suo business uscirà più forte da questa crisi che ha una peculiarità: quella di permettere a tantissime persone di provare per la prima volta comportamenti disruptive, dove in parole povere non c’è nessuna convenienza a tornare indietro.

La paura di andare al supermercato, così come in ufficio, ha fatto superare i pregiudizi a chi non aveva mai fatto la spesa online o a chi riteneva lo smart working impossibile.

Nuovi comportamenti = nuove opportunità. Come consumatori, quando saremo fuori da questa crisi, saremo completamente diversi e pochi business saranno in grado di essere pronti se non innovano ora. Se non investono su Persone, Processi e Prodotti che abilitino nuovi modelli di business.

Esselunga ha lanciato il suo e-commerce nel 2001. 19 anni fa.

Su questo tu hai un vantaggio. La tecnologia di Esselunga oggi costa 10× meno per effetto della legge di Moore.

Esselunga però ha lanciato la carta Fidaty nel 1995. La sua intelligenza artificiale, con 25 anni di customer data disponibili, potrebbe portarti a casa la spesa prima che tu ti accorga di avere il frigo vuoto e con molta probabilità sarebbe anche più bravo/a di te scegliendo alimenti di stagione, un equilibrato rapporto di carboidrati, proteine e grassi, le cose in offerta e quelle con più punti fragola magari facendoti risparmiare.

Disclaimer: non ho mai lavorato per Esselunga, non ho informazioni sul fatto che Esselunga salvi questi dati, e questa è pura design-fiction, ma se conoscete qualcuno che lavora lì e pensate possa essere interessato a questa newsletter, inoltrargliela pure, troverò il modo per sdebitarmi 🙂

Ma torniamo a noi. Ho cercato cosa hanno in comune le aziende che più di altre beneficeranno di questi nuovi comportamenti l’ingrediente comune è la capacità del loro business model di portare-a-casa il nuovo necessario per la nostra vita.

Ecco una lista assolutamente non esaustiva per spiegarti il concetto.

Esempi di Bring-at-home businesses

  • Portano a casa l’ufficio

    • Google

    • Slack

    • Zoom

    • Okta

    • Intercom

    • Atlassian

  • Portano a casa la spesa

    • Amazon

    • Esselunga

    • Walmart

  • Portano a casa il buon cibo

    • Food delivery (Deliveroo & co.)

    • Tannico

  • Portano a casa lo shopping

    • Farfetch

    • Shopify

    • Etsy

    • Ebay

  • Portano a casa entertainment

    • Spotify

    • Netflix

    • Sonos

    • Electronic Arts

    • Zynga

    • Take-Two Interactive

  • Portano a casa la palestra

    • Peloton

    • Tecnogym

  • Portano a casa la salute

    • Farmacie online

    • Diagnostica remota

    • Dentisti con aligner di nuova generazione
  • Rendono la casa migliore

    • Ikea

Credo di essere fuori tempo massimo. Le email iniziano ad arrivare ed è ora di passare in modalità ufficio ma prima che ti lasci voglio anticiparti che sto lavorando ai prossimi STRTGY meetings che sicuramente saranno trasmessi in diretta streaming nel nostro gruppo su Facebook e che avranno ospiti importanti.

Se c’è un momento storico nel quale è quantomai utile scambiarsi informazioni e competenze per ricostruire nuovi vantaggi competitivi in un mondo che non sarà più lo stesso, quel momento è oggi e tu sei nel posto giusto.

Buon lavoro!

Fatti sentire!

Non perdere le prossime Note. Ogni lunedì alle 7:00. Gratis.

Strumenti e framework per sbloccare l’innovazione in azienda e applicare praticamente Design Thinking, Blue Ocean Strategy, JTBD e OKRs.  

Ultime STRTGY Notes

№ 88
del 18 Ottobre 2021
4:30 di lettura — Il nuovo layout della newsletter. Notion valutato 10 Miliardi. La strategia del Funnel Inverso.
№ 84
del 20 Settembre 2021
3:28 di lettura — L’incredibile impatto di scegliere la variabile giusta al momento giusto
№ 82
del 6 Settembre 2021
3:33 di lettura — Dalla Strategia. Come codificarla rendendola visibile a tutta l’organizzazione.
№ 81
del 30 Agosto 2021
4:37 di lettura — Riparti a Settembre con ordine e concentrazione usando un semplice principio (e un nuovo tool: il Team Focus Planner)
№ 80
del 2 Agosto 2021
6:20 di lettura — Cosa leggere per migliorare cultura, scalabilità e profitto nel prossimo quadrimestre
№ 77
del 5 Luglio 2021
2:48 di lettura — L’importanza strategica della gentilezza e perché è stata fondamentale per Starbucks in Italia
№ 76
del 28 Giugno 2021
Svelata la scaletta dell’incontro con Mauro Porcini, SVP & CDO di PepsiCo. Live oggi 28 Giugno 18:30 solo su STRTGY
№ 74
del 14 Giugno 2021
2:23 di lettura — Non più solo estetica ma culturale ed economica - Contiene annuncio importante!
№ 71
del 24 Maggio 2021
5:00 di lettura — Come individuare il massimo grado di libertà strategica
№ 69
del 10 Maggio 2021
1:26 di lettura — Cosa hanno imparato un influencer da 600k subs e un Head of Strategy di una delle più creative agenzie italiane? 10 sgami per spaccare su internet
№ 68
del 3 Maggio 2021
3:58 di lettura — Cos’hanno in comune le aziende più innovative del Mondo?
№ 66
del 26 Aprile 2021
4:39 di lettura — Dalla co-creazione alla co-operazione.
№ 62
del 29 Marzo 2021
5:15 di lettura — Perché importante che tutto sia “prodottizzato”
№ 61
del 22 Marzo 2021
5:36 di lettura — Come aumentare il tuo impatto e quello del tuo team, smettendo di scrivere task inefficaci.
№ 60
del 15 Marzo 2021
5:29 di lettura - La ricetta perfetta per il disastro e cosa fare in alternativa
№ 59
del 8 Marzo 2021
4:21 di lettura — Priorità chiare, team allineati, motore a pieni giri.
№ 56
del 22 Febbraio 2021
5:39 di lettura — Clubhouse, un suo competitor e il percorso più breve tra Produzione e Consumo
№ 54
del 8 Febbraio 2021
4:33 di lettura — Come creare la tua macchina della crescita, concentrare le energie e allineare il team
№ 52
del 25 Gennaio 2021
5:54 di lettura — Come usare la North Star Metric per disegnare e guidare la strategia
№ 51
del 18 Gennaio 2021
4:56 di lettura - Experience as a Service. Come usare i dati per guidare la Strategia.
№ 48
del 7 Dicembre 2020
5:21 di lettura — Scopri se la tua organizzazione è matura per adottare gli OKRs.
№ 46
del 23 Novembre 2020
4:25 di lettura — La spiegazione strategica del perché Apple ha lasciato Intel e del perché i tuoi clienti potrebbero lasciare te.
№ 41
del 26 Ottobre 2020
Cos'hai in comune con Apple, Netflix e Spotify?
№ 40
del 19 Ottobre 2020
5:00 di lettura — Focus, Allineamento, Misurazione, Stretching, Ritmo e Comunicazione
№ 39
del 12 Ottobre 2020
Concentrarsi sulle cose che contano, non sull’innovazione degli altri
№ 37
del 28 Settembre 2020
5 min di lettura — Le uniche 4 cose che puoi vendere, esercizio pratico.
№ 36
del 21 Settembre 2020
4:41 di lettura — Allineamento strategico, Eric Yuan, Disruptive Innovation
№ 31
del 10 Agosto 2020
Summer Edition — 9 esempi di chi ha già ridotto il gap tra Design, Business e Tecnologia
№ 28
del 20 Luglio 2020
9 libri per ridurre il gap tra Design, Business e Tecnologia
№ 26
del 6 Luglio 2020
5:39 di lettura — Un gelato Blue Ocean, l’esperienza fuori dal negozio, queue management e brand computazionali.
№ 31
del 22 Giugno 2020
4:54 di lettura — Lavorare ovunque, chi può innovare copiando, cosa fare nel Q3-2020
№ 22
del 8 Giugno 2020
4:25 di lettura — Space X, Lean Analytics, Alignment, Value Network, Technical Risk
№ 21
del 1 Giugno 2020
5:32 di lettura — Licenzia la tua agenzia, la new wave della consulenza, Design Thinking flavors
№ 20
del 25 Maggio 2020
4:51 di lettura — La strategia sbagliata di Honda, la capacità di intercettare opportunità emergenti, Discovery Driven Strategy
№ 19
del 18 Maggio 2020
4:56 di lettura — Value, Delivery, Trust and Decision Making Chains
№ 18
del 11 Maggio 2020
4:47 di lettura — I limiti strutturali all’innovazione, prioritizzazione, 2 pattern, 3 tools.
№ 17
del 4 Maggio 2020
4:55 di lettura — Workshop del Team rosso, proprietà privata, condivisione, architettura e design, fiducia, rischio e igiene.
№ 16
del 27 Aprile 2020
5:33 di lettura — chi deve innovare? 3 modi low-risk, innovazione vs ottimizzazione, la carta-carbone di Facebook
№ 15
del 20 Aprile 2020
4:31 di lettura — The Contactless Business Model, no-business-plan, ristoranti fantasma e computazionali.
№ 13
del 6 Aprile 2020
5:08 di lettura — Nuove regole, nuove abitudini e 8 aree d’impatto per qualsiasi tipo di business.
№ 12
del 30 Marzo 2020
4:30 di lettura — Perché tempo, semplicità e performance sono fondamentali per qualsiasi futuro ci aspetti.
№ 11
del 23 Marzo 2020
4:44 di lettura — Sterilizzazione di primavera, la tua nuova purpose, un nuovo appuntamento alla macchinetta del caffè.
№ 9
del 9 Marzo 2020
5:53 di lettura — L'impatto sulle Persone, un nuovo modello di business per sopravvivere, smart working e le fasi del movimento.