●↑
№ 167

Il framework per il cambiamento e come implementarlo con gli strumenti di MAKE PROGRESS

5:25 di lettura — Gli OKR sono behavioural science. Come funziona il nostro cervello quando bisogna cambiare. Novità dal BACKSTAGE di Roma
CONDIVIDI
Facebook
X
LinkedIn
WhatsApp

Hey buon lunedì!

Gli OKR sono behavioural science

La strategia rappresenta sempre la descrizione di un cambio comportamentale, tra il modo di lavorare attuale e il nuovo modo di lavorare che meglio supporta il raggiungimento di uno stato futuro dell’organizzazione.

Questo concetto è così radicato in MAKE PROGRESS con gli OKR, che i leader sono chiamati a svolgere un esercizio impegnativo ma potente per mappare l’organizzazione analizzando il comportamento attuale dei team e come dovrebbe cambiare per supportare meglio l’esecuzione della strategia. Il template di questo esercizio, chiamato Now & Next, è disponibile nell’OKR toolkit.

Ma cambiare è difficile. Ecco il framework in quattro step che ha ispirato il lavoro di MAKE PROGRESS con gli OKR.

Prima di iniziare: come funziona il nostro cervello

Le organizzazioni sono fatte di persone e il primo livello di cambiamento deve avvenire proprio a questo livello. È importante prima di tutto comprendere il funzionamento del nostro cervello e cosa succede quando si cambia. 

Immaginiamo il cervello diviso in due sistemi: razionale ed emotivo.

Il sistema razionale consente di pianificare, riflettere e prendere decisioni a lungo termine; è più lento poiché valuta pro e contro, valutando le conseguenze delle scelte nel nostro miglior interesse. 

Il sistema emotivo, invece, riguarda decisioni istintive e soddisfazione di desideri immediati. È grazie a lui che si sviluppano abitudini e comportamenti automatici, anche senza consapevolezza.

Questi due sistemi lavorano in coppia: quando prendiamo una decisione, vince uno o l’altro.

Progettati per sostenere il progresso umano, entrambi i sistemi non mirano a mettere in pericolo la persona. Tuttavia, il sistema emotivo può talvolta sovrastare quello razionale frequentemente. Se ciò ci ha salvato dai pericoli in passato, nel contesto aziendale è fondamentale riequilibrare il peso di chi prende le decisioni e sfruttare questo meccanismo a nostro vantaggio. 

Uno: rendere chiaro il cambiamento

Il primo passo consiste nel rendere inconfutabile la necessità di cambiamento. Purtroppo spesso avviene esattamente l’opposto: viene imposto.

Quando succede si attivano delle resistenze dovute per la maggior parte nella mancanza di chiarezza sulle motivazioni e sulle modalità del cambiamento. Non ci si può muovere verso una direzione che non si conosce.

La comunicazione della strategia è il primo momento nel quale si innesca il cambiamento. Deve avvenire nella maniera più comprensibile possibile, e deve essere strutturata in modo da permettere adeguato spazio alle persone di contribuire ma sufficiente precisione per farlo con efficacia.

Dire “puntiamo sull’innovazione”, “diventiamo leader di categoria” o “forniamo ritorni incredibili ai nostri stakeholder”, sono come i buoni propositi che a Febbraio sono già abbandonati perchè non portano la chiarezza necessaria. È come dire che bisogna “avere una dieta più sana”. Cosa vuol dire sana? Quanta pasta, verdura o carne bisogna mangiare per essere sani? È possibile mangiare formaggio? E le uova?

La chiarezza e la pragmaticità della strategia sostengono l’adozione. Lo Strategy Focus Onepager è lo strumento di MAKE PROGRESS che consente di rappresentare l’intera strategia in un’unica pagina in modo estremamente pragmatico. 

Il canvas si basa sull’idea che le decisioni a sinistra del foglio debbano portare i numeri a destra. Ciò implica che è impossibile ottenere nuovi risultati senza modificare l’organizzazione. Questo documento, redatto in modo semplice, diventa il fulcro della strategia, il veicolo più rapido per distribuirla e renderla azionabile mobilitando le persone.

Due: creare desiderio di progresso

Le strategie di crescita che mirano solo ad arricchire la proprietà non funzionano. La letteratura evidenzia che gli incentivi economici non sono il principale driver del cambiamento. Le persone vogliono sentirsi connesse e parte di qualcosa di più grande. 

Ogni progetto di OKR implica una ridefinizione e una condivisione della vision e della mission aziendali. Una volta che la leadership ha descritto e comunicato la strategia, i team comprendono come connettersi e connettere i propri obiettivi alle proprie vocazioni, ritrovando il significato del proprio lavoro in uno schema chiaro e necessario. 

Gli OKR diventano importanti per le persone non solo tecnicamente precisi. 

Tre: partire in discesa

Siamo incredibilmente bravi a perseverare nelle azioni inutili nonostante sappiamo che non sono proficue e non ci avvicinano agli obiettivi. Continuiamo a spegnere la sveglia, evitiamo la palestra e investiamo tempo e risorse in progetti mai misurati, pur consapevoli del loro scarso impatto sulla crescita. 

Piuttosto che concentrarsi sul sistemare ciò che non funziona, senza la garanzia che la situazione migliorerà è più semplice raddoppiare le risorse su ciò che funziona.

Quante volte le riunioni diventano luoghi dove emergono problemi, anche quelli meno rilevanti? Per comprendere cosa ha funzionato piuttosto che continuare a parlare du inutili tecnicismi bisogna dotarsi di un sistema che ci aiuti a indivuare i progetti di successo.

I team che utilizzano MAKE PROGRESS si avvalgono di uno strumento, incluso nell’OKR Toolkit, chiamato Project Alignment grazie al quale riescono a mappare i progetti in base al sostegno alla crescita e riconoscere ciò che non contribuisce, liberando tempo per concentrarsi sulle priorità. 

Quattro: rimuovere gli ostacoli

Iniziare in discesa è il primo passo per acquisire momentum nel moto strategico, ma è necessario sostenerlo con la creazione di sistemi che facilitino il raggiungimento dei risultati.

Non possiamo chiedere alle persone di conseguire target più alti semplicemente lavorando di più o sacrificandosi personalmente. Dobbiamo puntare a costruire sistemi ripetibili, ottenibili solo sviluppando un sistema operativo che fornisca le ricette per vincere le sfide. 

Un ruolo cruciale nelle organizzazioni è quello dell’Operation Manager, che semplifica il lavoro fornendo informazioni tempestive e distribuendo la conoscenza dei processi a chi li deve eseguire.

Alla creazione di librerie di procedure, utili per accelerare l’esecuzione e ridurre errori, c’è un concetto fondamentale nel programma MAKE PROGRESS che ne amplifica i risultati: i roadblock

Gli ostacoli e le soluzioni fluiscono dalla periferia dell’organizzazione verso l’interno, rendendo i team autonomi e propositivi. I leader ottengono così informazioni preziose sul funzionamento dell’organizzazione e i roadblock diventano fari che illuminano aree strategiche nelle quali l’innovazione hai ritorni più rapidi, coinvolgendo tutto il gruppo anziché pochi individui. Il template per la rimozione dei roadblock è già disponibile nell’OKR Toolkit.

Il framework in breve

L’efficacia del framework risiede nella sua semplicità che nei quattro step porta equilibrio tra la parte razionale ed emotiva delle persone rispetto al cambiamento. 

Il primo step consiste nel portare chiarezza nel cambiamento mentre il secondo nel creare il desiderio del cambiamento stesso. Il terzo nel rendere il cambiamento così semplice da essere inevitabile, infine il quarto nel sostenere il cambiamento rimuovendo gli ostacoli.

Se vuoi conoscere come far evolvere la tua organizzazione grazie agli strumenti di MAKE PROGRESS ho messo a disposizione questo calendario per incontrarci e vedere gli strumenti in azione. Quando sarai pronto, scegli il momento migliore da questo link.

Non vedo l’ora di conoscere quello che stai creando

ALWAYS MAKE PROGRESS ●↑


Novità dal BACKSTAGE di Roma

Giovedì 22 Febbraio ci incontreremo in Talent Garden Ostiense per il quarto appuntamento con l’unico format che porta imprenditori e business leader dietro le quinte della gestione della strategia per obiettivi e degli OKR.

Se ancora non l’hai fatto, ritira il tuo Pass. Potrai accedere all’evento, staccare dal lavoro con un aperitivo prima dell’inizio degli interventi e scaricare subito l’OKR Toolkit.

Migliore esperienza in assoluto! Con il Pass Giallo potrai partecipare alla cena di Networking vivendo a pieno l’esperienza della community. 

Free Coworking se passi dal BACKSTAGE

Sempre il 22 ci sarà l’Open Day in TAG. Se vuoi fare un’esperienza di coworking a costo zero, registrati su Eventbrite

Mi sembra perfetto per chi vuole trovarsi già sul posto ottimizzando gli spostamenti oppure per chi vuole provare l’atmosfera di lavoro in Talent Garden. Partecipare all’Open Day ti permetterà di accedere anche al BACKSTAGE. 

L’agenda

Ti mostrerò, attraverso casi pratici, come implementare gli OKR in azienda e, direttamente dalla voce del CEO, i retroscena dell’adozione in EasyPol, l’impatto che stanno avendo sulla strategia e sulla cultura aziendale.

Parteciperai alla tavola rotonda per approfondire la relazione tra OKR, change management e new ways of working e potrai fare tutte le domande che vorrai a:

Matteo Preziotti, CEO e Founder di EasyPol

Luca Barboni, Founder di 247X

Giulia Tangini, Business & Digital Transformation Expert

Stefano Mizzella, Industry Lead Talent Garden

Ti aspetto a Roma,
Antonio ●↑

Non perdere le prossime Note. Ogni lunedì alle 7:00. Gratis.

Strumenti e framework per sbloccare l’innovazione in azienda e applicare praticamente Design Thinking, Blue Ocean Strategy, JTBD e OKRs.  


22 Aprile 2024, 12:00

Costruisci la tua Growth Machine LIVE con Antonio Civita.

Continua a leggere

№ 174
del 15 Aprile 2024
3:10 di lettura — Nuova data per il Growth Machine Workshop. OKR Q&A di Torino. Cosa succede quando usi RICE per prioritizzare il backlog. Nuovo Trend 2024 aggiunto alla collezione: Business at Work
№ 173
del 8 Aprile 2024
3:18 di lettura — Ciao Torino! Binge-watching. 200+ report strategici e molto altro...
№ 172
del 25 Marzo 2024
06:20 di lettura — Gli OKR non sono più lavoro: sono IL lavoro. Come restare concentrati sulle priorità. Quando e Chi sceglie cos'è una priorità?
№ 171
del 18 Marzo 2024
05:30 di lettura — Da Procedura a Prompt. Così semplice che non sembra lavoro. Da dove cominciare quando si ha poco tempo?
№ 170
del 11 Marzo 2024
10:02 di lettura — Innovazione vs Ottimizzazione vs Integrazione. Evitare soluzioni alla ricerca di un problema. La mia raccolta di 200+ Trend Report del 2024
№ 169
del 4 Marzo 2024
07:55 di lettura — Il vero problema delle strategie noiose e inefficaci. Come trasformare interesse in ossessione secondo la scienza. L’ingrediente mancante e come inserirlo nella tua strategia
№ 168
del 26 Febbraio 2024
1:54 di lettura — 4 benefici dell’adozione della Growth Machine. Il caso di Easypol. Must Read di Febbraio
№ 167
del 19 Febbraio 2024
5:25 di lettura — Gli OKR sono behavioural science. Come funziona il nostro cervello quando bisogna cambiare. Novità dal BACKSTAGE di Roma
№ 166
del 12 Febbraio 2024
8:50 di lettura — Come utilizzare l’AI nel lavoro strategico. Se Amadeus avesse gli OKR. The BACKSTAGE arriva a Roma, ritira il Pass!
№ 165
del 5 Febbraio 2024
5:50 di lettura — Perché non puoi comprare la strategia. Chi invece è l’unico che può venderla. Nuovi strumenti per il lavoro strategico.
№ 164
del 29 Gennaio 2024
2:52 di lettura — Perché i buoni propositi non funzionano. Come aumentare la probabilità di raggiungere gli obiettivi. The BACKSTAGE arriva a Firenze: ritira il Pass!
№ 163
del 18 Dicembre 2023
1:47 di lettura — Il bignami di Make Progress. Solo il necessario per partire oggi con gli OKR. Anticipazioni sul Backstage di Gennaio a Milano.

Ricevi strumenti, insight e inviti esclusivi

Unisciti a 5.000+ CEO, Dirigenti, Manager e Imprenditori che stanno cambiando radicalmente il proprio approccio alla strategia e alla crescita.