●↑
№ 165

L’unico asset aziendale che non puoi comprare

5:50 di lettura — Perché non puoi comprare la strategia. Chi invece è l’unico che può venderla. Nuovi strumenti per il lavoro strategico.
CONDIVIDI
Facebook
X
LinkedIn
WhatsApp

Nel business, i soldi possono comprare la maggior parte delle cose di cui abbiamo bisogno.

Tranne la Strategia.

La consulenza strategica è simile alla magia, purtroppo

Chiunque prima o poi si rende conto di aver bisogno di una strategia per raggiungere i risultati a cui ambisce. 

Spesso serve una nuova strategia anche per raggiungere gli stessi risultati di sempre solo perché il mercato si fa più affollato e le tecnologie più accessibili quindi aumenta la competizione e di conseguenza cambiano anche i comportamenti di chi compra.

Viene facile pensare che ci siano delle società che per il semplice fatto che si sono posizionate come “società di consulenza strategica” posso fornire ciò di cui c’è bisogno. Una nuova fiammante strategia che, una volta portata in azienda e installata, basta girare la chiave per cambiare le cose.

Se hai mai comprato uno di queste consulenze ti sarai reso conto che iniziano sempre con un famoso assessment, un periodo nel quale non è chiaro cosa succeda, se non che bisogna rispondere a una serie di domande le cui risposte vengono messe in una costosissima presentazione che non dice niente di nuovo e raramente lo dice in modo più chiaro.

E sulla base di questa empirica comprensione dello status quo, un gruppo di maghi propone delle nuove linee guida che promettono di far fare un sacco di soldi agli stakeholder e di probabilmente ripagare la consulenza stessa.

Ma il modello è completamente rotto

Quando si guarda al modello di business delle società di consulenza ci si accorge che ciò che vendono non è in realtà la Strategia ma le ore delle persone che dovrebbero eseguirla.

Nascono due paradossi.

Il primo è che la complessità della strategia venduta è linearmente proporzionale alla profittabilità della società di consulenza. C’è sempre bisogno di più ore uomo, di uomini che guarda caso non hanno le stesse competenze di quelli che ci sono in azienda.

Il secondo riguarda il ruolo dei leader e dei dirigenti che sono pagati per elaborare quelle strategie ma che comprano fuori e, di conseguenza, non sono in grado di eseguire by-design.

Nessuno può venderti una buona Strategia, tranne il tuo team

I consulenti non conoscono due cose fondamentali per elaborare una strategia efficace.

  1. Il modello di business in dettaglio (non sommariamente) insieme ai trend passati e casi di successo;
  2. Le reali risorse finanziarie, umane e tecnologiche per implementare qualsiasi strategia.

Le strategie “comprate” finiscono così di essere pericolosamente sensate sulla carta che nessuno le mette in discussione.

Al contrario però, chi conosce davvero bene queste due informazioni, è il tuo team.

Cosa non è la Strategia, e il motivo per cui nessuno vuole partecipare alla prossima riunione

Le aziende sono piene di progetti strategici pur non avendo una strategia, com’è possibile?

L’etichetta strategico è attaccata a qualsiasi iniziativa come disperato tentativo di farla emergere tra le cose da fare e dedicare il tempo per qualcosa di entusiasmante.

Ma ancora si sta parlando di progetti e non di strategia. E di come questi sono in relazione tra loro e contribuiscono sinergicamente a portare risultati è spesso indecifrabile.

La strategia viene confusa con la pianificazione e questo è il motivo per il quale i meeting diventano noioso e, a volte, anche fastidiosi. 

Quando si mischia strategia e project management si finisce con fare finger-pointing su chi non ha fatto cosa piuttosto che convergere verso la definizione precisa di cosa è importante raggiungere – qualitativamente e quantitativamente – per posizionare l’azienda nel miglior modo possibile nel mercato.

Il lavoro strategico è difficile e non siamo abituati

Pianificare ci permette di restare nella nostra comfort-zone perché non si tratta altro che decidere cosa fare e quando fare le attività selezionando dalla lista quelle sotto il nostro diretto controllo.

La strategia è una delle attività più scomode da fare perché non c’è modo di sapere in anticipo se funzionerà. L’unico modo è implementare e misurare.

È qui che strategia e pianificazione entrano in contatto: pur rimanendo separate si rinforzano.

La strategia viene eseguita attraverso una sequenza di pianificazioni di iniziative che vale fino a quando la logica che sottende la strategia rimane confermata dai dati.

La pianificazione senza strategia porta a eseguire ciecamente progetti che potrebbero non avere nessun impatto se non quello di consumare le risorse.

La strategia senza pianificazione al contrario porta a non confermare nessuna delle ipotesi. 

Ricorda: l’unica strategia infallibile è quella che non viene eseguita! 

Il lavoro strategico è sottovalutato

I bravi manager costringono i dipendenti a rendicontare le ore che sono state vendute ai clienti che le hanno pagate. 

Ma chi paga le ore da dedicare alla strategia? 

Le persone si sentono autorizzate a lavorare su qualcosa che è collegato a un effetto diretto con la produzione dell’azienda. Smarcare task, email, condurre riunioni superflue… a mantenersi occupati per generare più lavoro.

La strategia purtroppo non è un lavoro, ma una disciplina che tutti dovrebbero conoscere per due motivi:

  1. la strategia non è responsabilità solo del CEO
  2. la strategia non è mai una sola strategia

Capita nelle aziende grandi, ma ancora di più in quelle piccole nelle quali la proprietà coincide con il ruolo di amministratore delegato, che la responsabilità di creare una strategia sia in un unico punto dell’organizzazione. La strategia diventa così un impacciato tentativo di interrompere l’immobilismo: «se non lo fate voi devo farlo io!»

Nelle aziende è sempre più diffusa la figura del Chief Strategy Officer che ha la responsabilità di creare, coordinare e rendere coerente la strategia in azienda.

È un compito importante per il secondo motivo di cui parlavo qualche riga fa: non esiste una sola monolitica strategia, piuttosto esistono numerose micro-strategie che devono essere orchestrate simultaneamente e questo richiede un lavoro di coordinamento molto importante.  

Il lavoro strategico ha strumenti obsoleti

Hai mai visto come sono fatte le presentazioni che arrivano direttamente dal CEO? Diciamo la verità: fogli di calcolo e presentazioni illeggibili non rendono sexy questa attività vitale per qualsiasi business.

Ho fondato STRTGY con la missione di rendere il lavoro strategico l’attività più energizzante di ogni leader grazie a nuovi strumenti per mappare, semplificare, eseguire e misurare la strategia ma soprattutto restituirla alle persone.

In MAKE PROGRESS con gli OKR ci sono 13 strumenti per passare dalla teoria all’azione, ti invito ad avere una copia sulla tua scrivania o a partecipare a uno dei nostri workshop per sperimentarne l’efficacia.

Non perdere le prossime Note. Ogni lunedì alle 7:00. Gratis.

Strumenti e framework per sbloccare l’innovazione in azienda e applicare praticamente Design Thinking, Blue Ocean Strategy, JTBD e OKRs.  

Continua a leggere

№ 183
del 17 Giugno 2024
11:09 di lettura — Analisi e Forecasting con i numeri. Esempi pratici per società di consulenza e retail. Template scaricabile
№ 182
del 9 Giugno 2024
08:42 di lettura — L'NPS non funziona più (forse non ha mai funzionato). L'alternativa al Net Promoter Score per misurare la crescita sostenibile. Esempi pratici per misurare l'efficacia della Growth Machine
№ 181
del 2 Giugno 2024
8:39 di lettura — Intervista a Franco Pomilio di Pomilio Blumm. Le persone comprano il cambiamento. Usare l'intelligenza umana, sociale e artificiale in modo sinergico.
№ 180
del 26 Maggio 2024
9:02 di lettura — Perché lavorare per Sistemi e non per Team. La lista dei principali Sistemi Aziendali. 10 KPI da controllare subito
№ 179
del 19 Maggio 2024
08:54 di lettura — Studiare gli OKR è un percorso tortuoso, qui la mappa. 5 punti su cui concentrarsi, per passare subito alla pratica. Risparmia tempo ed errori
№ 178
del 12 Maggio 2024
13:02 di lettura — L’importanza di essere in moto perpetuo. Perché la ricerca dell’equilibrio può essere pericolosa. Come perdere l'equilibrio per trovare la crescita.
№ 177
del 5 Maggio 2024
9:03 di lettura — Cosa c’è di nuovo dalla voce del co-CEO. Glitch nel modello di business. Come trovare la tua NSM
№ 176
del 28 Aprile 2024
3:15 di lettura — La burocrazia è costata il 50% del valore azionario. Il Redesign è la norma. Come funziona il DSO, il nuovo modello organizzativo
№ 175
del 22 Aprile 2024
5:58 di lettura — Come riallineare se stessi, il proprio team, e il mercato lavorando su tre aspetti strategici.
№ 174
del 15 Aprile 2024
3:10 di lettura — Nuova data per il Growth Machine Workshop. OKR Q&A di Torino. Cosa succede quando usi RICE per prioritizzare il backlog. Nuovo Trend 2024 aggiunto alla collezione: Business at Work
№ 173
del 8 Aprile 2024
3:18 di lettura — Ciao Torino! Binge-watching. 200+ report strategici e molto altro...
№ 172
del 25 Marzo 2024
06:20 di lettura — Gli OKR non sono più lavoro: sono IL lavoro. Come restare concentrati sulle priorità. Quando e Chi sceglie cos'è una priorità?

Ricevi strumenti, insight e inviti esclusivi

Unisciti a 5.000+ CEO, Dirigenti, Manager e Imprenditori che stanno cambiando radicalmente il proprio approccio alla strategia e alla crescita.