No. 51

Everybody XaaS

4:56 di lettura - Experience as a Service. Come usare i dati per guidare la Strategia.
CONDIVIDI
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Hey, buon lunedì,
benvenuto nella prima STRTGY Note del 2021!

La lezione più importante dell’anno appena passato:

qualsiasi impresa si è trasformata in un’impresa di Esperienze as a Service.

Questo virus ha modificato il DNA delle aziende costringendole ad adottare nuovi comportamenti nel mercato ridisegnando le interazioni con i propri clienti per sopravvivere in un mondo senza contatto.

I prodotti vengono progettati in cloud, venduti online e consegnati come se esistesse già il teletrasporto. In qualsiasi industria.

Da marzo 2020, ogni impresa è diventata un startup: con il proprio modello di business messo in discussione. C’è chi ha ricominciato da capo e chi invece ha dovuto gestire una crescita inaspettata.

Fattostà che quelli che sono cambiati per sempre siamo noi, come persone, a volte produttori e a volte consumatori: non abbiamo più bisogno di prodotti, abbiamo bisogno di nuove esperienze. 

Home Time = Screen Time

Chiusi in casa, abbiamo passato così tanto tempo al computer che i primi ad accorgersene sono stati gli osteopati che hanno visto un’impennata nella cura dei traumi da postura sbagliata. Intere giornate con la testa china sul computer e sugli smartphone tanto da modificare la forma della spina dorsale e da coniare una nuova parola: “tech neck”, il torcicollo da tecnologia.

Se per questo c’è anche il doppio mento da tecnologia e sembra un vero trend cavalcato dalle aziende di beauty come 111Skin che ha esteso le sue maschere per il lifting non solo al mento ma anche al collo ma a tutta la schiena come The Light Salon che addirittura ci mette i led. Non si vendono più creme, ma una nuova esperienza di salone di bellezza che puoi fare anche a casa, anche da solo, anche in Live su Instagram.

Con i clienti chiusi in casa ogni singolo brand si è ingegnato per ricreare un surrogato di esperienza reale: dell’ufficio, del ristorante, del fast food, del bar, dell’enoteca, del cinema, degli eventi live, della palestra

Non sono più aziende che semplicemente producono un prodotto e lo mettono in distribuzione, sono diventate tech company che progettano esperienze e, ancora più importante, possiedono i dati e li utilizzano per modellare la propria strategia.

Guidare la strategia con i dati

Possedere i dati è indubbiamente un grande vantaggio competitivo ma solo se esistono dei processi che non solo influenzino ma addirittura guidino le decisioni.

Dovendo ridurre il contatto con i clienti e dovendo sfruttare a pieno le potenzialità del digitale per distribuire touchpoint significativi nella vita delle persone diventa critico guardare i numeri giusti.   

Ho preparato una mini guida che ci aiuterà in questo. 

Ecco i miei appunti, sentiti libero di utilizzarli.

  • Step 1. Come definire Visione e Direzione 
  • Step 2. Come usare la North Star per disegnare e guidare la strategia
  • Step 3. Come misurare i risultati e prendere decisioni

 

Sarebbe troppo lungo parlare di tutto in un’unica email per questo oggi ti parlerò del primo Step e nei prossimi lunedì copriremo gli altri due. Iniziamo subito.

Step 1. Definire Visione e Direzione

I leader alla guida di grandi prodotti definiscono e comunicano una visione semplice e chiara grazie alla quale rendono esplicito cosa è importante per tutto il team.

La domanda che puoi farti per scrivere la tua Vision senza sbagliare è: in cosa consiste la versione migliore del mondo che questo prodotto vuole creare? 

Per esempio la Vision di IKEA è “Permettere a chiunque di arredare la propria casa con arredi dai costi bassi, per ogni occasione della vita, ma ben progettati”

Qual è la tua Vision?

Una Vision ben definita ci permette di identificare la nostra North Star Metric (NSM) che non è altro che la metrica più importante che indica che stiamo procedendo nella direzione del successo.

Tecnicamente la NSM viene chiamata una leading metric, perché anticipa i risultati ed è per questo che non può rappresentare il fatturato stesso che invece è una metrica lagging, cioè viene di conseguenza. Cosa devono fare i clienti, ripetutamente, affinché aumentino le revenue?

La NSM, praticamente è la guida che collega la tua Vision con il valore generato. È questo il segreto. 

Ed ha un’altra caratteristica: è frattale. È importante a tutti i livelli e per tutti i team che contribuiscono allineati affinché l’azienda possa avere una crescita sostenibile.

Come vedi è tutto organicamente, splendidamente, collegato.

Come individuare correttamente la North Star Metric?

Ecco un checklist laser.

La prima domanda che dobbiamo farci è: come misuriamo che il cliente sta ricevendo il valore che si aspetta?

Sicuramente non sarà una metrica come il numero dei follower, dei likes, oppure click e apertura dell’app… dovrà essere collegata all’esperienza core del tuo prodotto.

La seconda domanda che dobbiamo farci è: questa metrica è allineata con la Vision?

La terza domanda è: l’aumento di fatturato è direttamente collegato a questa metrica? Ti aiuta a capire: qual è il risultato che le persone ottengono dall’utilizzo del prodotto che è direttamente collegato alle revenues?

Torniamo all’esempio di IKEA, quale potrebbe essere una ipotetica NSM?

Per esempio il # numero di acquisti per ogni visita.

Vediamo se supera il test:

  • Misura il valore per il cliente?
    ✓ Si, perchè se il cliente ha acquistato significa che ha trovato quello che cercava.
  • È allineata con la Vision?
    ✓ Si, perché indica che il cliente sta arredando la propria casa con un budget che può permettersi
  • È collegata alle revenues?
    ✓ Si, gli acquisti ovviamente sono collegati con l’incasso.

 

Ecco altri esempi celebri:

  • Airbnb: Notti prenotate
  • Facebook: Utenti attivi al giorno
  • Quora: Numero di risposte per utente
  • WhatsApp: Numero di messaggi inviati per utente

 

Ora tocca a te. Qual è la North Star Metric del progetto più importante per te in questo momento?

Se ti va, dimmelo rispondendo a questa mail, insieme alla Vision.

È importante trovarla prima che ti invii la prossima mail perché la useremo per disegnare e guidare la tua strategia.

Buon lavoro!
Resto in ascolto.

—Antonio

Non perdere le prossime Note. Ogni lunedì alle 7:00. Gratis.

Strumenti e framework per sbloccare l’innovazione in azienda e applicare praticamente Design Thinking, Blue Ocean Strategy, JTBD e OKRs.  

Tutte le STRTGY Notes

T.E.M.P.O.

4:33 di lettura — Come creare la tua macchina della crescita, concentrare le energie e allineare il team

Leggi la nota

Moonshot

4:25 di lettura — Space X, Lean Analytics, Alignment, Value Network, Technical Risk

Leggi la nota

Come un frattale

4:44 di lettura — Sterilizzazione di primavera, la tua nuova purpose, un nuovo appuntamento alla macchinetta del caffè.

Leggi la nota

The Virus Week

Hey, buon lunedì, probabilmente grazie al virus avrai sperimentato lo smart working o forse avrai scoperto che aziende che non lo avrebbero mai permesso in

Leggi la nota

Alta concentrazione

Hey, buon lunedì! 9:00 Dovresti arrivare in ufficio 9:45 Finisci di leggere le mail del weekend, anche se le conosci tutte perchè leggi la mail di lavoro

Leggi la nota

The Minority Report Economy

Hey, buon lunedì, La nota di oggi sarà breve perché è giusto rimanere concentrati sull’evento del 18 Febbraio. L’avevi segnato in agenda? Ci incontreremo fisicamente domani 18

Leggi la nota

Vivere le 3P

Hey, buon lunedì,è quasi finito il primo mese di questa nuova decade. Ci aspettavamo che sarebbe stato tutto diverso, in realtà non è cambiato niente. Business as

Leggi la nota

Tu sei qui

Hey, buon lunedì! È la prima nota dell’anno. Di un anno che è iniziato bene. Giovedì scorso, il 16, ci siamo incontrati per la prima

Leggi la nota